Last Update: 26/06/2017

Club affiliato con

rfi

rfi

I nostri soci Onorari
• Bruno Maggiora
• Andreas Zapatinas
• Claudio Fusaro
• 313° Gruppo Addestramento
Acrobatico PAN




 

 

Login Soci









 

 








Alcune regole base per non perdersi durante un raduno a cura del socio ROMANO "dominus" PISI
Prima di iscriversi al raduno

1) Ai raduni si partecipa per divertirsi.


2) Chi "se la tira" può starsene a casa.

3) Il raduno deve rappresentare un momento di svago, dove dimentico completamente lo stress della settimana lavorativa, non mi voglio arrabbiare, non voglio litigare per stupidi motivi con gli altri soci e non voglio ricordarmi che il lunedì devo tornare a lavorare.

4) Al raduno devo rispettare tutti: quelli che vanno più piano e quelli che sono un po' più veloci di me.

Non devo spazientirmi se la colonna è ferma: probabilmente c'è un valido motivo.

Magari ne approfitto per guardare il panorama.

5) Il panorama lo guardo solo se sono fermo, e NON mentre sto guidando: il tamponamento è sempre in agguato, e sono subito migliaia di euro che se ne vanno...(quanti raduni sprecati)

6) Devo attenermi alle disposizioni degli organizzatori, seguendo le auto segnalatrici lungo il percorso e non abbandonando per nessun motivo la mia posizione di segnalatore fino a quando arriva l'auto scopa.

7) Al raduno non ho bisogno di far vedere a tutti che sono bravo a guidare veloce: ci sono i raduni in pista per questo!

Nessuno è giudicato in base alla propria abilità di guida.

E' piuttosto d'uopo essere un po' svegli al volante, cioè contribuire con l'intelligenza e l'intuito a risolvere una eventuale situazione di difficoltà che si può presentare.

I miei amici soci, staranno bene in mia compagnia, solo se saprò risultare simpatico e sorridente.

8) Se è la prima volta che partecipo ad un raduno, non mi devo preoccupare: i soci sono piuttosto abili a coinvolgermi nel gruppo, e io mi sentirò a mio agio in breve tempo.

9) Se voglio organizzare un raduno utilizzando i supporti che mi fornisce il Club (sito, mailing list, conto corrente, nome dell'associazione, ...) devo comunicarlo al direttivo e attenermi alle regole e alle disposizioni che mi verranno impartite.

Sono comunque libero di organizzare un evento privatamente, senza però utilizzare il nome e/o i supporti logistico-organizzativi del bCI.

10) Prima di partecipare ad un raduno mi devo accertare di aver ben compreso tutto il programma, le norme che ne regolano la partecipazione, devo aver fatto il bonifico della quota corrispondente, devo condividere lo spirito del Club e se ho qualche dubbio devo telefonare o scrivere direttamente agli organizzatori, i quali sapranno darmi le risposte del caso.

Se incomicio a fare di testa mia, provoco un ritardo nella gestione del raduno con conseguenti difficoltà che andranno risolte penalizzando gli altri partecipanti.

11) Insomma, riassumendo in breve gli altri punti, devo essere una persona responsabile, cioè un partecipante sul quale, in caso di necessità, gli organizzatori sanno di poter contare per una mano.



Se invece vuoi organizzare un raduno, scarica questo utilissimo Vademecum dell'organizzatore e .. Buon Lavoro!







statuto pdf Scarica le regole in formato pdf


Alcune regole base per non perdersi durante un raduno a cura del socio ROMANO "dominus" PISI


Cari Soci,

molti di voi hanno partecipato a raduni od hanno avuto occasione di ammirare le lunghe file di barchette che si spostano lungo strade mozzafiato; bene tutto questo non è difficile ma richiede attenzione e cura al fine di rendere il raduno un esperienza divertente per tutti.

Lo scopo principale è quello di percorrere numerosi chilometri in modo piacevole e soprattutto SENZA PERDERE QUALCUNO; a questo proposito voglio farvi notare che una fila di 30 barchette è lunga circa 500 metri, immaginate quindi quanto sia difficile tenere insieme la prima auto con l’ultima.

Ed ecco allora il sistema perfezionato dal ”barchetta club Italia” per arrivare a destinazione tutti insieme.

a) La fila delle barchette è guidata da due auto dell’organizzazione AUTO GUIDA, ovvero da due conducenti che conoscono bene la zona ed il percorso.

b) La fila è poi chiusa da un’altra auto dell’organizzazione con la funzione di auto scopa, queste tre barchette sono sempre in contatto fra di loro.

c) Ad ogni incrocio, bivio o parte del percorso dove vi sia la possibilità di sbagliare strada, l’ AUTO GUIDA n° 2 segnalerà all’auto che la segue, di accostare in prossimità della zona di possibile errore, così facendo l’auto in sosta avrà la funzione di indicatore di percorso.

d) L’auto in sosta dovrà quindi attendere l’arrivo dell’AUTO SCOPA (precedentemente indicata a tutti i partecipanti), e ripartirà solamente quando questa le darà il via con un “lampeggio di fari”, sarà quindi incolonnata in penultima posizione.

e) ATTENZIONE: l’auto in sosta dovrà sempre attendere l’arrivo dell’AUTO SCOPA anche se questa dovesse tardare; infatti, in quel caso, significherebbe che si è verificato qualche problema lungo il percorso; nulla da temere! lungo il percorso si troveranno altre auto in sosta che attendendo il segnale dell’AUTO SCOPA serviranno per riunirsi al gruppo che precede.

f) Questo è un sistema che, quando rispettato alla lettera, si dimostra infallibile e consente di percorrere centinaia di chilometri in totale relax e senza perdere pezzi per strada.

g) Un ultimo ed importantissimo avvertimento: durante i raduni si percorrono parecchi chilometri incolonnati, ed in queste colonne ci sono PILOTONI e PILOTINI , tutti con abitudini e stili di guida diversi, quindi il mantenimento delle corrette distanze di sicurezza e gli occhi bene aperti, garantiranno l’arrivo a destinazione con la meravigliosa barchetta senza un graffio.

La base di tutto è divertirsi e stare insieme godendo gli stupendi percorsi scelti dagli organizzatori dei raduni.

Grazie.